Boom di auto ibride, gli effetti sui ricambi

Boom di auto ibride, gli effetti sui ricambi

[fonte: inforicambi.it] – Cosa comporta tutto questo scenario per l’autoriparazione ed i ricambi? Intanto il panorama normativo degli autoriparatori, anche a livello di Know How e percorsi di formazione ed abilitazione, “aumenta” almeno di alcuni riferimenti fondamentali come la Norma CEI 11-27 collegata al D.Lgs. 81/2008 e la Norma CEI CE 50110 per gli interventi sugli apparati elettrici. Questo comporta, per autofficine e commercianti, l’esigenza o l’obbligo di investire in percorsi formativi, in strutture e in macchinari idonei. Così come diventa fondamentale preparare il workflow di interventi di manutenzione su auto ibride in officina, dove i controlli sono generalmente maggiori in numero e diversi in qualità rispetto alle cosidette auto convenzionali. Questo ovviamente per quanto riguarda le reti di autoriparazione autorizzata ed ufficiale, come per alcune grandi reti organizzate indipendenti. Meno facile ed automatico al momento definire quali saranno le prospettive cui andranno incontro le strutture più piccole o meno capillari sul territorio. Di sicuro a questo punto il mondo dell’autoriparazione è maggiormente stimolato, visti i trend e i possibili volumi di lavoro, ad investire su formazione e “branding” di questo nuovo comparto della mobilità…leggi tutto

Revisioni auto, cresce la spesa degli italiani nel primo semestre dell'anno
Milano, scatta il blocco delle diesel Euro 4

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo articolo.


CNA Gruppo Servizi Nazionale Srl
Piazza Mariano Armellini, 9A – 00162 Roma
P.Iva 11060761001

Powered by
SIXTEMA spa